Tradizioni di pensiero

Per i tipi della casa editrice Aracne, è uscito il saggio di Giuseppe Boscarino “Tradizioni di pensiero – La tradizione filosofica italica della scienza e della realtà“, in cui viene tracciata una panoramica storico-filosofica ed epistemologica della tradizione di pesniero che affondava le radici in Pitagora, Parmenide, Eudosso, Democrito, Euclide  e Archimede, per poi procedere a un confronto su questioni che coinvolgono la logica, la matematica e le teorie fisiche contemporanee.

Tra fine Ottocento e inizio Novecento si ha un profondo cambiamento metafisico nella storia della scienza moderna: nella fondazione della “cosa matematica” e della “cosa fisica” si sostituiscono i numeri (le misure relative) alle grandezze (enti), sovvertendo così il concetto di realtà fisico–matematica. In un caso (Dedekind) si insegue il mito formalistico o idealistico, che ritiene di poter “creare” la cosa matematica a partire dal puro pensiero; in un altro (Mach) si rincorre il mito empiristico, quello che pensa di poter ricavare il significato fisico a partire dalla mera osservazione. Tanto Einstein quanto Bohr vivono in quella stagione storico–culturale che, sotto la spinta del mito del progresso economico e del dominio sulla natura, aveva bisogno di cambiare il proprio paradigma filosofico. Il programma di ricerca di Galileo, di Newton e più recentemente di Peano era però un altro: il prosieguo di quella tradizione di pensiero che affondava le radici nei nomi di Pitagora, Parmenide, Eudosso, Democrito, Euclide e Archimede. Di questa tradizione viene tracciata una panoramica storico–filosofica ed epistemologica, per poi procedere a un confronto su questioni che coinvolgono la logica, la matematica e le teorie fisiche contemporanee.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito qui.

Segnalaci una notizia o un evento

Se vuoi segnalarci una notizia o un evento, puoi compilare la form qui sotto. Grazie per la collaborazione!


[contact-form-7 id="174" title="Segnalazione notizia o evento"]